prova

I soggetti in possesso dei seguenti requisiti soggettivi possono essere beneficiari dei contributi per la realizzazione di progetti di interscambio:

- essere “organismi volontari di cooperazione allo sviluppo”: è necessario che il volontariato sia citato espressamente nello statuto o che non siano previsti compensi per le cariche sociali e che la cooperazione allo sviluppo, ovvero la solidarietà internazionale siano esplicitamente citate tra le finalità statutarie dell’organismo;

- avere la sede legale in Provincia di Trento;

- possedere il requisito dell’operatività: gli organismi di volontariato dovranno dimostrare di aver svolto in maniera continuativa da almeno un anno, sul territorio provinciale, attività di educazione/sensibilizzazione sulle tematiche della cooperazione internazionale allo sviluppo. In particolare sarà necessario dimostrare che l’associazione abbia realizzato, negli ultimi dodici mesi precedenti alla presentazione della domanda di contributo, almeno 3 momenti di sensibilizzazione aperti alla cittadinanza (serate, dibattiti, proiezioni, mostre, …).

- presentare il progetto come capofila di una cordata composta da almeno due altri soggetti pubblici e/o privati (escluse le persone fisiche) tra associazioni, scuole, centri giovanili, piani giovani di zona, Comuni, ComunitĂ  di valle, UniversitĂ , Centri di ricerca, etc. di cui almeno 1 in Trentino e almeno 1 nel/nei Paesi con cui si realizza lo scambio.

Il soggetto trentino proponente è responsabile per il coretto utilizzo dei fondi ed il raggiungimento dei risultati previsti nel progetto.

Centro per la Formazione alla SolidarietĂ  Internazionale
Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani
Osservatorio balcani e caucaso